1586514446_840

In questi giorni la “Cabina di Regia” fra le Organizzazioni Sindacali del Credito e l’ABI ha funzionato bene e ha portato dei buoni risultati per la tutela della sicurezza delle Lavoratrici e dei Lavoratori (anche se in alcune banche minori il problema Covid-19 è stato sottovalutato) e dato indicazioni alle banche associate su come affrontare l’emergenza e le varie disposizioni governative.

“Abbiamo apprezzato le parole del Presidente dell’ABI Antonio Patuelli sulla necessità di accelerare i tempi. Ma oggi chiediamo qualcosa di più alle Banche – afferma il Segretario Generale Uilca Massimo Masi -”.

Chiediamo:

  • Rapidità nell’applicazione del Decreto Liquidità e dell’erogazione ai cassaintegrati dell’anticipo dell’assegno e risposte e azioni concrete sulla sospensione delle rate dei mutui.

  • Disposizioni precise e chiare alle Lavoratrici e Lavoratori bancari sulle procedure da attuare, spesso infatti sono lasciati in balia della clientela senza una vera conoscenza dei Decreti e delle procedure organizzative interne.

  • Assunzioni di responsabilità dei top manager di fronte alla clientela, sono capaci di fare pressioni commerciali sulle Lavoratrici e sui Lavoratori, ma latitanti quando si tratta di affrontare la clientela.

  • Che gli Amministratori Delegati delle Banche si espongano personalmente anche sui media realizzando azioni concrete, non rilasciando solo dichiarazioni sulla disponibilità dei loro istituti ad aiutare le imprese, le partite Iva e i Cittadini.

Riteniamo che in questo periodo molto difficile per il nostro Paese le Banche possano recuperare quella credibilità persa a causa dei recenti avvenimenti.

“Questa è l’occasione buona, non fatevela scappare – continua Masi -”.
“Mi chiedo, ad esempio, perché molte banche continuino a far pagare commissioni per il prelievo bancomat effettuato su istituti in cui non si è clienti – sottolinea Masi -, nonostante il DPCM inviti la popolazione a stare in casa ed andare a fare la spesa nel negozio più vicino. Questi piccoli segnali e piccole attenzioni costano poco, ma sono convinto gioverebbero alla reputazione delle banche italiane e a far rinascere la fiducia della clientela nei loro confronti”.

Ricordiamo a tutti che in banca si entra solo su appuntamento e che per espletare operazioni non consentite dai bancomat occorre fissare un colloquio con la propria filiale.

“Voglio ringraziare tutte le Lavoratrici e i Lavoratori delle banche e delle assicurazioni – conclude il Segretario Generale Uilca Massimo Masi – che in questi giorni, con dedizione, impegno e professionalità non hanno fatto mai mancare i servizi essenziali alla popolazione, nonostante il Covid-19 abbia colpito duramente i nostri settori in termini di malattia e lutti”.

Comunicato Stampa del Segretario Generale Uilca Massimo Masi

Ultime News

Start typing and press Enter to search